• Nora

Dying Fetus.

Se dovessi scegliere un gruppo di questo ultimo secolo, in grado di strapparmi le budella, l'anima e ricomporle dopo poco, beh sceglierei senza dubbio i Dying Fetus, che, unendo il death metal al grindcore riescono a partorire dei lavori crudi, colmi di rabbia, e riescono anche a liberarsene. Formatasi nel 1991, hanno avuto molte variazioni sul piano discografico, quindi di etichetta, sia sul piano di formazione della band. Oggi sono in tre: John Gallagher, alla voce e chitarra, Sean Beasley al basso e Trey Williams alla batteria. Con otto album in studio alle spalle, uno split, una raccolta, due demo e due EP, penso che la loro sia una carriera di ben 28 anni molto ricca di avvenimenti ma soprattutto di musica. Tra i loro vari lavori ascoltati, vorrei parlarvi di tre in particolare, che, hanno lasciato un segno evidente tra i fans storici e sono riusciti a coglierne di nuovi sparsi nel mondo. Il primo ad emergere è l'EP del 2000: 'Grotesque Impalement', un incrocio di techincal death metal e un magistrale grindcore che, unendosi, hanno creato un esplosivo vero e proprio. Parte a cannone, senza un intro, inizia a descrivere strumentalmente e vocalmente, tutti i piaceri di cui un comune mortale si ciba, rendendosi, spesso e volentieri, schiavo di essi, in un mondo pieno di lussuria e di piacere generale, non ha senso restarsene in un angolino, rischiando di respirare, di annasparsi alla vita e quindi di non viverla pienamente. Questo è ciò che vogliono imporre tra i versi di questo brano e lo fanno in modo rabbioso e violento, semplicemente riconducibile al loro stile. Non c'è uno strumento in grado di prevalere su un altro: sono tutti, voce compresa, sullo stesso livello, e non è facile trovare una stabilità strumentale in un genere come questo, dove è semplice scadere nel rumore, e quindi nell'annullamento del testo, facendo decadere completamente la funzione e lo scopo del brano. Contenuta nel medesimo album, troviamo anche l'eccellente 'Streaks Of Blood', che mantiene la stessa linea sonora di 'Grotesque..' senza risultare banale o scontata. Anche questa traccia ha molti contenuti personali, il testo ne è un esempio, parla di sofferenza umana, di un bambino che si trova a doverne fare i conti, ad affrontare la vita giorno dopo giorno in un'età dove inizia a scoprire sè stesso e la sua sessualità, ed è come se fosse una lettera alla madre, suonata e cantata, con lo stile appartenente a loro quindi un modo diverso e atipico per poter descrivere un argomento così intimo ed intrinseco della vita di ogni adolescente e la via verso il cambiamento permanente della vita che lo porterà alla realtà drastica e crudele. A distanza di 12 anni, i Dying Fetus pubblicano un ulteriore album 'Reign Supreme' in cui dimostrano che, nonostante le mille avversioni avute, non si sono arresi, anzi sono riusciti a trarre fuori un album brutal e death metal, perchè si presenta ancora più violento e adrenalinico con dei virtuosismi di chitarra che animano la canzone di cui sto parlando 'From Womb to Waste', la batteria è talmente frenetica che insieme al basso, dal suono potente, sono in completa sincronicità, oltre ad avere una ritmica che sfiora la perfezione strumentale, d il risultato non può che essere sbalordativamente entusiasmante. Il testo, invece, si presenta molto rude e crudele, il tema predominante è la violenza, lo sterminio di massa, il sesso e la rabbia, la repulsione verso un mondo completamente infettato, ed è un tema forte dai contenuti espliciti. 'Ripened mass fetal decay, no one cares were they human anyway?' Questo era solo un piccolo, anche se forte e deciso, assaggio sui Dying Fetus che consiglio assolutamente a chiunque abbia uno stomaco abbastanza forte da poterne sopportare le varie abilità artistiche (strumentali e canore) che sono in continua evoluzione e sono sempre più sorprendenti. Vi lascio il link del loro canale sul tubo: - https://www.youtube.com/channel/UCeWsCPIN5FcU15R5_AA0Y5A e della loro etichetta discografica, che stimo molto e dove potrete trovare altri artisti validi: - https://www.youtube.com/user/RelapseRecords


59 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

ALCEST.